Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Nanni: “Che bello ospitare il Barça. Setti non deve mollare e fare investimenti che questa piazza merita”

Abbiamo rintracciato in esclusiva l’ex difensore, che da anni è coinvolto con le vecchie glorie gialloblù

I tifosi che hanno passato la cinquantina se lo ricordano, eccome. Noi di CalcioHellas, l’abbiamo conosciuto pochi giorni fa in Comune a Verona, splendido anfitrione dei “veteranos” del Barcellona.

Lui è Franco Nanni, sei stagioni al Verona nei primissimi anni settanta. Terzino-marcatore o all’occorrenza stopper-libero.

Ma la cosa più grande Franco Nanni, imprenditore alberghiero nella sua Riccione e a Verona, l’ha fatta qualche anno fa. Grazie alle seconda moglie, la catalana Mixtiù, è entrato in contatto con Ramon Alfonseda, presidente degli ex calciatori del Barcellona.

Un incontro illuminante” racconta Nanni, “abbiamo deciso insieme ad Osvaldo Bagnoli e altri amici di dar vita, in piccolo, alla stessa cosa a Verona”.

A più riprese negli anni cinquanta, sessanta e settanta le vecchie glorie di tutte le squadre hanno dato vita a tornei calcistici. I Gialloblù 70 ad esempio, vinsero tre scudetti con il sempre verde, capitan Paolo Sirena in campo. Abbiamo aiutato ex compagni in difficoltà, persone bisognose. Giochiamo sempre per beneficenza e chiediamo in cambio una semplice offerta. Poi ci attiviamo vendendo gadget. Siamo un’associazione senza scopo di lucro ed una grande squadra sportiva, certo il Barcellona è un’altra cosa. Averli a Verona è stata una cosa bellissima”.

Rintracciamo Nanni mentre passeggia sul lungomare di Riccione. Lui parlerebbe ancora volentieri delle vecchie glorie ma la domanda sul Verona è secca, diretta, spietata.

Oggi è partita la campagna abbonamenti. Poche tessere come mai?
Oddio” tira un sospiro Nanni, “non è che il Verona abbia fatto molto in questi ultimi due anni. Una promozione sofferta con una squadra molto forte e poi una retrocessione amara. Setti e i suoi collaboratori devono lavoro più a fondo e vincere subito delle partite, poi tutto si sistemerà. Almeno è quello che mi auguro”.

Grosso vuole un centrocampo attivo e offensivo, portato ad offendere, insomma al pressing alto.
Questo non lo so” afferma Nanni, “però mi sembra che il Mondiale stia dicendo il contrario. È vero che noi italiani siamo in crisi perché mancano i giocatori ma al posto della Svezia avremmo battuto gli inglesi, ne sono convinto. Bisogna giocare all’italiana, che non è fare catenaccio ma ripartire in contropiede. È come se il Brasile rinnegasse il dribbling il talento, non va da nessuna parte. Se rigioca col Belgio altre dieci volte, vince sempre. Ne sono convinto. Autorete e contropiede. Difficile riprender una gara così. Comunque ecco, spero che Grosso abbia le idee chiare”.

Nanni conosce Laribi. “L’ho visto giocare a Cesena. Bravo, ma l’importante è che il portiere pari e che Pazzini faccia una ventina di reti”.

A Setti cosa si sente di dire?
Che non molli e che se è possibile faccia uno sforzo per accontentare una piazza che merita sempre il massimo”.

1 Commento

1
Lascia una recensione

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

Giusto un portier che pari e un attaccante che segni semplice

Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a VERONA su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive