Resta in contatto

News

Mandorlini: “Le retrocesse e il Palermo sono le più attrezzate”

L’ex tecnico gialloblù si racconta insieme al figlio Matteo prima di Padova-Cremonese.

Doppia intervista ad Andrea e Matteo Mandorlini sulle pagine della Gazzetta dello Sport di oggi:

ANDREA «Il figlio è il figlio, quando era fuori rosa l’ho visto soffrire. Mi fa piacere ritrovarlo, lo merita. Un mio giocatore mi ha detto che lo mena. Gli ho risposto: “Non poco, mi raccomando”».
MATTEO «Molta. Non pensavo di poterlo più affrontare. L’ultima volta nel 2012-13 (Grosseto-Verona, ndr), poi lui è andato in A e io in C. Invece rieccoci».

La prima volta (Verona-Brescia 2011-12) come era stata?
A «Lui entrò dalla panchina e io andai ad abbracciarlo, commovente. Ero orgoglioso di lui».
M «Clamorosa. Era il mio esordio col Brescia, poi ho sempre giocato. Ho fatto il terzino e passavo davanti alla sua panchina: era contento, ha vinto…».

Al ritorno andò diversamente: vittoria del Brescia al 90’…
A «Sì, ero un po’ incazzato…».
M «Anche quella volta ho giocato praticamente davanti alla sua panchina. Me ne ha dette di tutti i colori. Massacrava i suoi giocatori, ma anche me».

Che consigli dava il Mandorlini ex calciatore al figlio che voleva diventare calciatore?
A «Ho sempre lasciato libertà, so cosa vuol dire per un allenatore avere a che fare con certi genitori. Però in privato qualcosa gli dicevo».
M «Di calcio parliamo tutti i giorni, anche con mio fratello (Davide ha smesso dopo aver portato il Ravenna in C nel 2017, ndr). Papà mi correggeva solo quando facevo un po’ il fenomeno e alzavo la cresta».

Andrea è rimasto fermo da aprile 2017 (Genoa) ad aprile 2018 (Cremonese), Matteo è stato fuori rosa fino a due settimane fa. Come sta un Mandorlini ai margini?
A «È dura, soprattutto per chi ci sta vicino. Lui ha le bimbe che lo consolavano, ma quando ci vedevamo o ci sentivamo l’amarezza era evidente».
M «Lui stava male per me, come io stavo male per lui. Però abbiamo vissuto questa situazione con professionalità: mi allenavo a prescindere dalla rabbia. E adesso il mio momento è arrivato, il lavoro paga».

L’estate insieme nella spiaggia di famiglia a Marina di Ravenna: s’è parlato di questo confronto?
A «Ho anche pensato di portarlo a Cremona. È un giocatore bravo, avrei voluto allenarlo».
M «Sì, aspettavo questa sfida: meno male poterci essere».

Susanna, moglie di Andrea e mamma di Matteo, per chi tifa?
A «Non verrà, deve stare con i nipoti, di sicuro da mamma preferirà il figlio».
M «Tiferà 50 e 50, anzi no: 51 per me».

E Davide per chi tifa?
A «Spero che venga, sarà emozionato anche lui».
M «Mi sa 51 per il babbo».

Anche Davide ha due figli: che voto diamo a nonno Andrea?
A «Potrei fare meglio, sono poco presente. Con le tre bimbe cambio, non mi riconosco. Davide ha un maschio, che ha chiamato proprio Andrea: ha 8 anni e la dinastia prosegue. È l’unico mancino di famiglia, bello tosto, gli piace giocare: si vede che è un Mandorlini».
M «Nove. Un nonno dolce, si scioglie, non si direbbe…».

Tutti e due interisti?
A «Anche Andrea junior, non scherziamo: lo vede un Andrea Mandorlini non interista? Abbiamo grandi aspettative, da Cremona potrò andare spesso a San Siro».
M «Dalla nascita. Mio padre è molto attaccato, all’Inter ha vinto lo scudetto 1989. Nelle prime tre ci arriviamo, ma è sempre pazza Inter».

Anche Bisoli si troverà contro il figlio quando sfiderà il Brescia.
A «Anche per lui sarà un’emozione, sembra burbero ma in fondo – in fondo – ha un cuore grande.
M «Provo a immedesimarmi, sarà così anche per loro».

Padova: il passato per Andrea, il presente per Matteo.
A «Un bellissimo ricordo. Andai via solo perché mi chiamò il Siena in A e il Padova era in C, ma sbagliai: dovevo aspettare, costruire e arrivare in alto con più calma».
M «I tifosi mi parlano bene di mio padre e questo affetto mi ha aiutato. Io però qui ho vinto un campionato, lui invece…».

Giorgio Zamuner è stato giocatore di Andrea alla Triestina e ora è direttore di Matteo.
A «Ci lega tantissimo, lo volevo anche come allenatore in seconda. Non avevo capito la situazione di Matteo fuori rosa, poi tutto si è risolto”.
M «Lo conosco da quando avevo 14 anni, è stato mio agente per dieci anni. Lo stimiamo».

Vi piace questa B a 19 (o 20…)?
A «È molto più competitiva, ci saranno tante sorprese».
M «A 22 era lunghissima, potevi trovarti in un attimo in alto o in basso. Così si alza il livello, è più difficile salvarsi».

Chi va in A?
A «Retrocesse e Palermo sono i più attrezzati, ma può succedere di tutto, anche per noi…».
M «Benevento e Verona, poi Palermo e Crotone. E occhio alla Cremonese».

Una rivelazione?
A «Cremonese e Padova, scontato. Noi abbiamo una proprietà seria, cerchiamo di non deludere il cavalier Arvedi».
M «Il Padova può dire la sua».

Quale Mandorlini arriva davanti?
A «Se lo merita il papà, per l’esperienza…».
M«È davanti quello grande, però adesso ci può essere il sorpasso, occhio!».

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a VERONA su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News