Resta in contatto

News

Pazzini-Di Carmine: la strana coppia sempre sotto esame

Il “Pazzo” chiede più spazio, l’ex Perugia stenta a inserirsi, ma il ds Tony D’Amico è pronto a scommettere su di loro per puntare alla Serie A

Sono sempre gli attaccanti ad avere l’attenzione dei media e così anche in casa Hellas Verona tiene banco il dualismo tra Giampaolo Pazzini e Samuel Di Carmine. La domanda è: possono giocare insieme oppure no? La sensazione è che a livello tecnico i due siano compatibili, ma mister Grosso non si è ancora convinto e per ora preferisce alternarli (a svantaggio dell’ex Fiorentina che gioca col contagocce).

A fare chiarezza sul momento dei due è intervenuto il ds Tony D’Amico, partendo proprio dal Pazzo: “È un giocatore che fa parte di questo progetto, per tre volte è partito dall’inizio – ha detto a La Gazzetta dello Sport -. Capisco che per quanto ha dimostrato nel corso della sua carriera, per quel che rappresenta per Verona e per il suo valore le sue esclusioni facciano rumore. Ora è così, ma questo non significa che non sarà utile all’Hellas, come già ha saputo essere. Sono certo che anche lui darà il contributo che serve per raggiungere il nostro traguardo“.

L’ingaggio di Di Carmine è stato accompagnato da cifre rilevanti per il mercato cadetto. D’Amico di dice già che convinto della bontà dell’operazione: “Deve migliorare non il singolo giocatore, ma il complesso dell’intesa tra tutti. Non bastano quattro partite da titolare, più una da subentrato, per emettere verdetti: un attaccante è il finalizzatore del lavoro dell’intera squadra, è stato preso perché ha le caratteristiche che riteniamo siano adatte all’impostazione che abbiamo voluto dare al Verona. E lo dimostrerà“.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a VERONA su Sì!Happy
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News