Resta in contatto

News

Bianchetti alla GdS: “Verona è il luogo in cui ho scelto di fermarmi”

Il difensore gialloblù, intervistato dalla Rosea, ha parlato del proprio calvario, ma anche del sogno Serie A, delle nozze e dell’amore per la città scaligera

Un anno e mezzo d’inferno, una lenta ripresa, il ritorno in campo e alla fine il gol che ha aperto le marcature del Verona contro il Perugia: Matteo Bianchetti si è ripreso l’Hellas, e ora sembra non volerlo mollare mai più.

Raggiunto dai colleghi de La Gazzetta dello Sport, il difensore gialloblù si è raccontato alla Rosea, parlando ovviamente della lunga serie di infortuni e della rete del Curi, ma anche delle sue prossime nozze con la compagna Debora e dell’amore per Verona e per il Verona.

Di seguito, dunque, le sue principali dichiarazioni.

LA SCHIENA. «Era l’estate del 2017 ed eravamo in ritiro a San Martino di Castrozza. Mi svegliai la mattina con la schiena dolorante, e la sera mi ritrovai già sotto i ferri, operato d’urgenza alla spina dorsale: cinque ore di intervento e una grande paura. I medici dell’équipe che mi ha seguito sapevano che sarei potuto rimanere paralizzato, ma furono bravissimi a contenere il danno. Poi da lì iniziò la battaglia: per mesi ho vissuto l’80% delle mie giornate tra letto e divano, indossando un busto e con i movimenti ridotti al minimo».

L’ANCA. «Dopo essermi rialzato poco per volta ed essere tornato in campo contro Inter e Cagliari, arrivò la mazzata del doppio infortunio all’anca: durante quel periodo ho vissuto momenti terribili, ma non mi sono fatto spaventare e alla fine sono riuscito a rientrare con il Livorno.»

PERUGIA E IL “NUOVO” VERONA. «“Un gol che sa di vita”: è stato questo il commento che mi è piaciuto di più. Sembrerà banale, però è vero che la sofferenza ti fa crescere, soprattutto come uomo. L’Hellas? In tanti ci davano per spacciati, ma siamo stati in grado di rilanciarci. C’è stata sicuramente una svolta, ma quella decisiva arriva solo alla fine. Con il Verona ho già due promozioni, e ora sogno la terza: sarebbe bellissimo».

FIORI D’ARANCIO. «Debora mi è sempre stata vicina durante il periodo buio e stare con lei mi ha cambiato. A giugno ci sposeremo: gliel’ho chiesto a Ortisei, dove amiamo rifugiarci. Desideriamo una famiglia numerosa, e abbiamo preso casa Bussolengo. Questo è il posto in cui ho scelto di fermarmi. Per Debora, con Debora. Verona, il Verona, per noi significa un amore senza fine».

 

6 Commenti

6
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

Sei tornato più forte di prima. E con l’Hellas ti riprenderai la Nazionale. Complimenti

Commento da Facebook

Sei un grande Auguri

Commento da Facebook

Ti auguro tanta fortuna Matteo e spero ci porterai lontano!!!

Commento da Facebook

Sei un grande ,dentro e fuori dal campo.uno di noi

Commento da Facebook

Anche tu allora sei un veronese tutto matto.

Commento da Facebook

Come on Hellas/=\

Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a VERONA su Sì!Happy
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News