Resta in contatto

News

Barone a L’Arena: “Hellas, tanti fattori negativi, ma avresti potuto fare di più”

Il telecronista di Sky, intervistato dai colleghi del quotidiano veronese, ha analizzato la stagione del Verona

È una delle voci di punta di Sky, ma anche un conoscitore di calcio: stiamo parlando di Daniele Barone, volto noto del giornalismo sportivo italiano e grande esperto di Serie B, con il quale i colleghi de L’Arena hanno voluto scambiare quattro chiacchiere sul Verona e su questo finale di stagione.

Di seguito, dunque, le sue principali dichiarazioni.

LA SERIE B. «Il campionato cadetto è sempre il più interessante: tanti giovani che poi sono diventati campioni in Italia o all’estero sono passati di qui. Credo poi che quest’anno avrà un gran finale: tutti parlano ormai di verdetti già annunciati per quanto riguarda la promozione, mai io credo che per la serie A diretta oltre a Brescia, Lecce è Palermo ci sia anche il Benevento, una squadra che ultimamente ho visto molto bene».

DELUSIONI E CONTESTAZIONI. «Direi che Verona e Pescara sono le squadre da cui mi sarei aspettato di più. Parliamo di piazze importanti, ma in perenne contestazione: la differenza è che mentre i tifosi abruzzesi sono dalla parte di Pillon, in quanto schierato contro la proprietà, i supporters gialloblù si portano dietro un malessere risalente alla scorsa stagione e identificano Grosso con Setti. Ho visto la partita del Verona contro il Palermo: la squadra non ha giocato male, ma si vede che i giocatori sono preoccupati e “pesanti di testa”. Con questo non dico che sia finita, l’Hellas potrebbe ancora inanellare tre o quattro vittorie di fila, ma sinceramente credo che alla fine disputerà i play-off».

TANTI FATTORI NEGATIVI. «Credo che il Verona abbia pagato una serie di fattori negativi, come i tanti infortuni, un calcio non adatto alla piazza e un allenatore che ha trovato difficoltà ad ambientarsi con questo tipo di ambiente, ma anche alcune scelte incomprensibili. Prendiamo per esempio Laribi, uno dei migliori giocatori della scorsa stagione che quest’anno è sparito, ma anche la staffetta Di Carmine-Pazzini sembra non aver giovato molto. Inoltre all’Hellas sono mancati fisicità e temperamento, che in Serie B sono tutto o quasi… Detto questo, credo che con i mezzi a disposizione la squadra di Grosso avrebbe comunque potuto fare molto di più».

9 Commenti

9
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook

Purtroppo per costruire ci vuole tempo e qua non c’è ne dopo quel maledetto paracadute tutto è cambiato, con questa rosa si doveva fare di più però per conto mio sono giovani e sentono la pressione poi scelte discutibili del mister hanno fatto il resto , però veniva messo in discussione anche Mandorlini…….

Commento da Facebook

Con una società un po’ più seria certamente e con un Mister Capace questi ci hanno fatto passare la voglia di andare allo Stadio….

Commento da Facebook

Nessun fattore negativo, è che la società vuole intascare il paracadute, e l’allenatore è ottimo per questo scopo,altrimenti sarebbe già stato mandato a casa da tempo.

Commento da Facebook

no. lé che té scoperto l acqua calda…. i NON allenatori e NON addetti ai lavori come noi tifosi, l avevamo visto ancora a ottobre!!!!!

Commento da Facebook

Ma va la…….🙈🙈🙈

Commento da Facebook

Parla sottovoce…. Ci sono le spie di dazn

Commento da Facebook

Se te sente d’amico, el pensa che te laori par tva wcenza

Commento da Facebook

Prova a parlarne con setti o d’amico i te fa un culo ai ai ai.

Commento da Facebook

Beh… Con un allenador in panchina.. sicuro.
Invece purtroppo ghemo un Grosso EBETE

Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a VERONA su Sì!Happy
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News